Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
ROMA-«Non si deve rinunciare ai propri simboli ma includere anche quelli degli altri – ha detto il cardinale Angelo Scola  – per cui, non dobbiamo togliere il presepe dalle scuole, ma se aumentano i bambini musulmani, bisogna prendere le loro feste e inserirle nella dimensione pubblica: spiegare, non vietare».
PALERMO-Sabato 30 gennaio 2016 alle ore 17,30 presso il Centro Cultura della libreria Macaione di Palermo (via Marchese di Villabianca n. 102), Cesare Airoldi, docente di architettura presso l’Università
Venerdì, 29 Gennaio 2016 04:22

Una nuova moschea a Curno

 CUNO-A Curno sorgerà un  edificio destinato ad ospitare un luogo di culto musulmano. Si tratta di un capannone di 400 metri quadrati in quel di Curno, a pochi passi dall’attuale centro islamico di via Manzù, che inizia ad essere un po’ stretto per la numerosa comuntà islamica che si ritrova nell’attuale seminterrato. Esattamente come per via San Fermo, l’acquisto del capannone, un ex colorificio, era passato quasi inosservato, fino a quando la comunità non ha presentato un progetto in Comune a Curno. L’obiettivo è quello di rendere più spazioso e agevole lo spazio delle preghiera, ormai diventato decisamente angusto, per una comunità che in vent’anni è cresciuta e raccoglie musulmani da diverse parti dell’hinterland e oltre. In questo caso, però, diversamente da Bergamo città, la comunità non si è divisa. L’acquisto e il progetto sono stati decisi di comune accordo, senza spaccature interne. A bloccare tutto però, prima ancora di avviare un iter di approvazione a livello comunale che si annuncia tutt’altro che pacifico, c’è la legge regionale cosiddetta antimoschee, che ha congelato di fatto ogni nuova iniziativa edificatoria sui luoghi di culto. La legge, impugnata dal governo, è all’esame della Corte costituzionale che dovrebbe pronunciarsi il prossimo mese. Da quel pronunciamento dipende il destino della moschea anche a Bergamo.
Giovedì, 28 Gennaio 2016 08:39

Cimiteri per i musulmani a Colle di Val d'Elsa

ROMA-Il Comune di Colle Val d’Elsa  ha dato la proposta di riservare nei cimiteri comunali aree apposite per le persone decedute di fede musulmana. E ancora l’intolleranza religiosa da parte Lega Nord.
Nel nome di Dio, il Clemente, il Misericordioso.
Pagina 4 di 110