Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Venerdì, 15 Gennaio 2016 14:38

L'ayatollah Bahlul

L'Ayatullah Muhammad Taqi Bahlul nacque nel 1908 nel Khorasan. Alla tenera età di 8 anni memorizzò l’intero Corano e sin da allora teneva discorsi dai 'minbar'.

Finì gli studi preliminari della Hawzah sotto alla tutela di suo padre, che era uno dei 'mujtahid' di quel tempo, poi si trasferì a Qum dove fu studente dell’Ayatullah Akhund Mullah ‘Ali Ma’sumi e dell’Ayatullah al-‘Udhma Mar’ashi Najafi. Più tardi studiò anche sotto la supervisione dell’Ayatullah al-‘Udhma Abu al-Hasan Isfahani. Quest’ultimo lo spinse a fare uso del suo talento al fine di entrare in politica e partecipare al movimento di resistenza contro l'iniqua politica dello Shah Reza Khan.
Di conseguenza, dopo il completamento dei suoi studi, l’Ayatullah Bahlul divenne una delle voci più forti a scagliarsi contro le politiche anti-islamiche del governo Iraniano dell’epoca. Per questo, allarmato dalla sua popolarità, il governo lo fece arrestare ed egli trascorse tredici anni della sua giovinezza in prigione. Per quanto riguarda la sua scarcerazione, questa avvenne in maniera miracolosa. Egli stesso la raccontò con le sue parole:
“Una notte, durante il mio tredicesimo anno di prigione, vidi mia madre in sogno. Mi disse:- Caro figlio mio! Ho incontrato Fatimah al-Zahra e mi ha assicurato che verrai rilasciato presto-. Quando mi svegliai iniziai a recitare alcune rime per elogiare Fatimah al-Zahra e composi diversi versi. Comunque sia, feci questo sogno di giovedì e il sabato seguente fui rilasciato.”
Quando uscì dalla prigione trascorse un po' di tempo in Egitto e in Siria prima di tornare in Iran. Nel 2006 ha lasciato questo mondo e i sapienti di tutto il mondo, guidati dall’Imam Khamenei, gli hanno reso omaggio.
Secondo l’Ayatullah Bahlul la "salat al-layl" (la preghiera notturna meritoria) possiede una posizione speciale tra le pratiche Islamiche. Egli diceva spesso: “Nella 'salat al-layt' risiede la benedizione di questo mondo e di quello futuro. Vi raccomando di non perderla, io stesso sono testimone dei suoi benefici”. Una volta raccontò:
“Quando ero uno studente nella 'Madrasah Faydhiyyah' a Qum la mia vita non era affatto facile ed avevamo pochi soldi, che non erano sufficienti per soddisfare neanche le necessità basilari. Un giorno, la notte di un 15 di Sha’ban che coincideva con uno dei giorni più freddi dell’inverno, quando a Qum l’acqua diventa ghiaccio dopo qualche momento, andai ad assistere ad un 'majlis' organizzato in onore del dodicesimo Imam. Quando tornai, le porte della 'Madrasah' erano già chiuse. Anche le porte dell’Haram erano chiuse e il gelo era tremendo. Comunque, dato che ero solito compiere la 'salat al-layl' regolarmente, iniziai a pregare all’aperto accanto alla porta dell’Haram. Quando finii le mie preghiere vidi un pellegrino, che parlava in Turco, avvicinarsi alla porta. Mi chiese se l’Haram avesse aperto. Io gli dissi che l’Haram avrebbe aperto nell’arco di due ore circa. Allora questi disse:- I miei amici mi stanno aspettando e io non posso aspettare così a lungo. Ti prego di farmi un favore. Prendi queste candele e piazzale nei luoghi oscuri dell’Haram da parte mia-. Prima che io potessi rispondere, l’uomo mi diede le candele, un sacchetto di monete come dono e velocemente se ne andò. Presi le candele e i soldi. Quando contai i soldi, ebbi modo di notare che si trattava di 500 tuman, che erano una cifra considerevole per quell’epoca. Pensai a lungo sul motivo per cui un pellegrino potesse fare quel grosso regalo ad uno sconosciuto come me. Pensai poi che si trattasse del piano divino, di una benedizione concessa da Iddio per la 'salat al-layl'. Quei soldi mi aiutarono a risolvere molti problemi che avevo a quel tempo. E questo si tratta soltanto di un piccolo esempio dei benefici che la 'salat al-layl' può avere in questo mondo.”
Estratto da: “Karamat-e-Ma’nawi” - “Miracoli Spirituali” p. 33.







https://www.facebook.com/%D8%B4%D9%8A%D8%B9%D8%A9-%D8%A7%D9%87%D9%84-%D8%A7%D9%84%D8%A8%D9%8A%D8%AA-%D9%81%D9%8A-%D8%A7%D9%8A%D8%B7%D8%A7%D9%84%D9%8A%D8%A7-Musulmani-Sciiti-In-Italia-132225576897095/

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna