Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Giovedì, 27 Novembre 2014 07:24

Il timor di Dio degli Awliya

Il timor di Dio degli Awliya
La prima domanda che viene alla mente, nel discutere la questione dell’amore di Dio, rispetto all’alchimia dell’edificazione del sé, è: se Dio è Misericordioso e amorevole e il Suo amore è l’elemento più influente nel perfezionamento, allora perché nei testi islamici vi è così tanta enfasi sul timore di Dio Altissimo? Perchè il Sacro Corano ritiene il timor di Dio come la più eminente qualità degli Ulamà? Ed in fine, amore e timore possono coesistere?

La risposta è si; Jenabe Shaykh [Ali Khayyat] fornì un interessante esempio della coesistenza tra timore e amore, che affronteremo in questo capitolo. Prima, comunque, vedremo il significato di timore e amore di Dio.

 

Il significato di timore di Dio

Il primo punto nell’interpretare il timore e amore divini è che il timor di Dio è in realtà la paura di commettere peccati e atti malvagi. L’Imam ‘Ali (as) dice:

"لا تَخَف الا ذنبك، لا ترجُ الا ربك"

“Non aver paura se non dei tuoi peccati e non riporre speranza se non in Dio” (1).

 

“Non avere paura di Dio!”

Un giorno l’Imam ‘Ali (as) incontrò una persona il cui aspetto era stato stravolto dalla paura; egli gli chiese:

“Che cosa ti è successo?”

La persona rispose: “Ho paura di Dio!”

Il nobile Imam (as) disse:

“Servo di Dio! Abbi paura dei tuoi peccati e timore della Giustizia Divina nel giudicare le tue ingiustizie contro i Suoi servi! Obbedisci a Dio in quello che Egli ti ha ordinato e non disobbedirGli in quello che è bene per te. Quindi, non aver paura di Dio, perchè Egli non commette ingiustizia verso nessuno e non punisce iniquamente.” (2)

 

Paura della separazione

Quindi nessuno deve avere paura di Dio, ma dobbiamo piuttosto avere paura di noi stessi, di rimanere intrappolati dalle conseguenze delle nostre stesse disdicevoli azioni. Il timore degli Awliya di Dio di essere puniti delle proprie azioni sbagliate è differente dalla paura che nutrono le altre persone. Coloro che hanno estromesso l’amore per altri che Dio dai loro cuori, e Gli sono obbedienti non per paura dell’Inferno né per la speranza del Paradiso, temono solo la separazione. Per loro il tormento della separazione da Dio è più doloroso del fuoco dell’Inferno. Quindi la Guida degli Awliya di Dio, Amir al-Mu’minin (as) nella sua supplica a Dio dice:

"فلئن صيرتني للعقوبات مع أعدائك، وجمعت بيني وبين أهل بلائك وفرّقت بيني وبين أحبائك وأوليائك فهبني يا الهي وسيدي ومولاي وربي صبرت على عذابك فكيف أصبر على فراقك؟!"

“E se mi infliggessi la stessa pena che infliggi ai Tuoi nemici, e mi includessi tra coloro che meritano queste punizioni, e se Tu mi separassi da coloro che Ti adorano e Ti sono fedeli, o mio Dio, mio Maestro e mio Signore! Anche supponendo che io possa sopportare la pena che mi infliggeresti, come potrei sopportare a lungo la separazione da Te?” (Du’a Kumayl).

Jenabe Shaykh commenta il versetto: “Strappano i loro corpi dai letti per invocare il loro Signore, per timore e speranza, e sono generosi di quello che abbiamo loro concesso.” (Sura al-Sajdah, 16) come segue:

“Cosa sono il timore e la speranza? Timore della separazione e speranza dell’unione con Lui. Analogo a questo concetto è il detto dell’Amir al-Muminin (as) nella Supplica di Kumayl:

فهبني يا الهي... وسيدي ومولاي وربي صبرت على عذابك فكيف أصبر على فراقك

“Anche supponendo, o mio Dio...che io possa sopportare la pena che mi infliggeresti...come potrei sopportare a lungo la separazione da Te?”

Ed anche nella supplica dell’Imam Sajjad (as): ووصلك منى نفسي وإليك شوقي..

“Unirmi a Te è il desiderio della mia anima e Tu sei la mia passione”. (3)

Il celebre gnostico e giurista, Mulla Ahmad Naraqi, ha detto al riguardo:

“Ha detto nella supplica il re degli awliya, possa la mia anima essere sacrificata per lui,

‘O mio Signore, o Dio, forse io potrei tollerare la Tua punizione, ma come potrei sopportare la Tua separazione, o Amato?’

La balia spaventa i bambini con il fuoco (e dice): “Non giocare così, altrimenti brucerò le tue mani e piedi con il fuoco e con lo stesso arderò il tuo volto e la tua schiena,

ma essi intimoriscono il leone (l’Imam ‘Ali) con la punizione della separazione...” (4)

http://www.islamshia.org/item/839-il-timor-di-dio-degli-awliya-m-reyshahry.html

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna