Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Mercoledì, 12 Agosto 2015 13:11

Parte (8): l'estensione della lingua persiana nel mondo

Parte (8): l'estensione della lingua persiana nel mondo
Salve cari amici e benvenuti all'appuntamento di questa settimana con "iraniani famosi". Proseguendo la premessa a quella che sarà la discussione vera e propria in questo programma, vi parliamo dell'estensione della lingua persiana nei diversi territori del mondo nei diversi periodi storici.
La lingua e' una delle componenti principali determinanti di ogni cultura e dato che e' lo strumento più importante per trasferire la cultura tra le generazioni, ha un ruolo insostituibile ed impareggiabile. I cambiamenti di una lingua nel tempo rilettono in pratica le esperienze e gli alti e i bassi di un popolo nella storia.

La lingua persiana, o farsi, e' una metafora della stessa cultura iranica; e' flessibile e si e' prestata a tanti cambiamenti, pur mantenendo la sua originalità.
Proprio come la società e la cultura, anche la lingua persiana ha subito modifiche nel corso di migliaia di anni e dopo tutta una serie di cambiamenti, adattamenti e contaminazioni straniere ha assunto l'aspetto odierno. Anche se il persiano di oggi appare completamente diverso rispetto alle lingue persiane antiche ed al Pahlavì, in realtà ha preso molto da queste lingue salvaguardando la propria identità.
Il persiano, che oggi viene scritto con le lettere dell'alfabeto arabo e con alcune lettere leggermente differenti, (con quello che viene detto alfabeto perso-arabo) e' una lingua indo-europea e proveniente, come abbiamo detto, da quella di oltre 3 mila anni fà, l'idioma parlato dai popoli ariani.
Parole come Baradar (fratello), Pedar (Padre), Madar (Madre), Dokhtar (Figlia, ragazza), Lab (Labbra), Abru (Sopracciglia), Garì (Carro) sono termini i cui simili sono presenti nelle lingue europee di oggi.
Proprio per la sua radice indo-europea, il persiano appartiene al tipo "Soggetto Oggetto Verbo".

***

Bisogna dire che nel periodo Achemenide il persiano veniva parlato dai persiani che però riconoscevano anche l'uso di altre lingue come l'elamita ed il babilonese ed usavano anche l'aramaico come lingua franca negli scambi tra i popoli.
Dopo la conquista della Persia ad opera di Alessandro Magno, il greco sostituì in qualche modo l'aramaico. Fu dal periodo successivo dei Sasànidi che il persiano venne adottato come lingua ufficiale dell'impero.
Nel settimo secolo dopo Cristo, quando l'Iran venne conquistato dai musulmani, l'arabo divenne la lingua parlata nell'altopiano ed il persiano si risvegliò solo quattro secoli dopo e veniva scritto con la calligrafia araba. Dopo l'anno mille e con la salita al potere di dinastie persiane che si ribellarono a quelle arabe, ed il ritorno di dinastie reali persiane in Iran, ecco che vennero sostenuti anche i poeti e gli scrittori persiani che ridiedero vita alla lingua e fu così che nacque il neo-persiano, parlato ancora oggi in Iran, Afghanistan e Tajikistan come lingua ufficiale e parlato in maniera diffusa anche in Uzbekistan.
In questo periodo, e per tutto il medioevo, il persiano si diffuse a dismisura ed oltre che in Persia venne adottato come lingua ufficiale alla corte dei turchi ottomani, dei Mogul d'India e in Asia Centrale.
Nonostante ciò gli scienziati e gli studiosi persiani continuavano ad apprendere anche le altre lingue e a tradurre opere dalle altre lingue.
Kharazmì, per esempio, scienziato dell'11esimo secolo cristiano, oltre al persiano conosceva l'arabo, il sanscrito ed il greco. In molte città considerate completamente arabe, come Bassora e Kufà, nell'odierno Iraq, veniva parlato più il persiano che l'arabo.
In questo senso dobbiamo sottolineare che dato che l'arabo era la lingua del Corano e della religione islamica, gli studiosi ed i letterati musulmani persiani diedero un grande contributo alla formazione ed all'enunciazione precisa delle regole grammaticali di questa lingua. Paradossalmente furono proprio i persiani a scrivere le regole della grammatica araba!

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna