Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Mercoledì, 30 Aprile 2014 03:24

Iran, si commemora Giornata Nazionale del Golfo Persico

Iran, si commemora Giornata Nazionale del Golfo Persico
La Giornata Nazionale del Golfo Persico è un giorno molto importante per il popolo iraniano e si celebra ogni anno il 30 aprile dal 2004 con varie cerimonie in tutto l'Iran, in particolare nelle città costiere del Golfo Persico.

Il Golfo Persico, situato in Asia occidentale, è un braccio dell’Oceano Indiano situato tra l'Iran (Persia) e la penisola arabica.

Nell'antichità classica, il Golfo Persico fu attraversato dalla flotta che trasportava le truppe di Alessandro Magno al comando dell'ammiraglio Nearco, impresa descritta da Arriano nell"Anabasi di Alessandro". Durante l'epoca seleucide la regione fu soggetta all'influenza persiano-ellenistica. I Romani giunsero sul Golfo nel II secolo d.C. con l'imperatore Traiano, che discese il fiume Tigri fino al mare. In epoca islamica, il Golfo Persico conobbe una fase di grande sviluppo durante il Califfato Abbaside, che sviluppò il porto di Bassora. Nella letteratura questa è l'epoca delle "Mille e una notte" e di "Simbad il marinaio".

Secondo i documenti del libro sul nome del Golfo Persico: il termine del Golfo Persico ed i suoi equivalenti sono stati utilizzati ininterrottamente dal 400 a.C. e quindi è un'eredità eterna del tempo antico. Ma nel 1964 la Lega Araba ha ratificato un cambiamento del nome del Golfo Persico senza alcun riconoscimento da parte delle Nazioni Unite. A quanto pare, questa modifica non è stata accettata da alcuni Paesi arabi. Dopo la guerra Iran-Iraq, la decisione è stata realizzata.

Un atto inaccettabile che ha fatto arrabbiare l'Iran e gli iraniani, soprattutto quando gli arabi hanno cercato di utilizzare il nome di Golfo Arabico nei mass media inglesi. Mentre tutti i documenti storici mostrano che da sempre questo golfto è conosciuto come "Golfo Persico", alcuni stati arabi hanno lanciato gli sforzi per rimuovere "persiano" dal nome del Golfo Persico. Dopo molti incontri e seminari da parte delle ONG e i geografi dell'Iran che chiedavano al governo di preservare il nome storico del Golfo Persico, la Repubblica islamica dell'Iran, nel 2004, ufficialmente ha segnato il 30 aprile come "Giornata Nazionale del Golfo Persico", la data che coincide con l'anniversario della vittoria di Shah Abbas- re di Persia tra il 1587 e il 1629- contro la marina portoghese nel Golfo Persico che guidava le forze coloniali portoghesi fuori dello stretto di Hormuz. La decisione è stata presa dal Consiglio superiore della Rivoluzione Culturale. Inoltre, La Posta i della Repubblica islamica dell'Iran ha emesso una serie di francobolli per commemorare la "Giornata nazionale del Golfo Persico."

Il Golfo Persico si estende tra l’Iran e la Penisola Arabica, dal Fiume Arvand (in persiano Arvandrud) allo Stretto di Hormuz, che lo mette in comunicazione con il Golfo di Oman. È un bacino individuatosi con l’ultima fase di risalita postglaciale del livello marino, nella cui parte settentrionale la costa è avanzata di circa 300 km negli ultimi 5000 anni a causa della notevole quantità di detriti apportati dal Fiume Arvand, in condizioni di quasi stazionarietà del livello del mare.

Il Golfo Persico possiede piccole isole che tra le maggiori sono quelle di Qeshm e di Kish, tutte situate nell'Iran, presso lo Stretto di Hormuz.

L'ambiente naturale è ricco di barriere coralline. Le coste dell'Iran e della penisola arabica sono caratterizzate dallo sviluppo di piattaforme carbonatiche con ampie piane di marea e da depositi evaporitici (sali e gessi), dovuti all'intensa evaporazione in conseguenza del clima arido.

Anche quest'anno, gli iraniani festeggiano la Giornata Nazionale del Golfo Persico mostrando che il di Golfo Persico è un termine riconosciuto ed accettato dal tutto il mondo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna