Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Giovedì, 24 Dicembre 2015 07:15

L’estetica e pensiero religioso nelle arti dell’Islam (1)

L’estetica e pensiero religioso nelle arti dell’Islam (1)
Parlare di arte islamica ci spinge innanzitutto a chiederci a cosa dobbiamo applicare questo termine. Sicuramente non ad un’unica tradizione artistica per paesi geograficamente così lontani, eredi talora di tradizioni artistiche millenarie. Né ad un’arte prodotta da musulmani, poiché se musulmani sono stati i committenti, la maggior parte degli artisti o artigiani locali erano soprattutto cristiani. La natura dell’arte islamica risiede, pertanto, nel linguaggio con cui l’artista rappresenta un microcosmo autonomo. Un linguaggio che aderisce all’estetica islamica, a prescindere dalle varie influenze nazionali e geografiche che lo caratterizzano.

Ciò che unisce le diverse opere darte islamica è il rispetto di canoni direttamente legati all’atteggiamento musulmano e alla concezione del mondo indicata dai dogmi dellIslam. Non cè mai un tipo specifico di decorazione per un certo edificio o uno specifico oggetto, al contrario, ci sono principi decorativi, che potremmo dire pan-islamici, e che determinano le stesse idee, forme e design, sebbene oggetti ed edifici si differenzino per qualità di esecuzione e stile.

La chiave per capire l’arte islamica va ricercata nella formazione della sua estetica.

L’inizio della formazione dellarte islamica coincide con il momento di espansione al di fuori della Penisola Araba, il periodo delle conquiste (VII-VIII secc) nel quale i musulmani dovessero confrontarsi con i capolavori dellarte cristiana e la loro forte componente propagandistica. Dopo un primo momento di soggiogamento e di imitazione delle forme e tecniche delle tradizioni dellarte cristiana dOriente e di quella mesopotamo- iranica, a partire dal IX secolo si forma una vera e propria teoria delle arti. Questo è lo stesso periodo in cui la necessità dellorganizzazione sociale di una comunità, ormai estesa e sviluppata, si struttura attraverso un atteggiamento legalista che vede negli hadith o tradizioni il suo strumento privilegiato. Ecco perchè, più che nel Corano, è nel corpus delle tradizioni che ritroviamo quella rivoluzione estetica che porterà alla creazione dellarte islamica.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna