Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Lunedì, 14 Marzo 2016 16:39

La Germania svolta a destra. Trionfo dei populisti

La Germania svolta a destra. Trionfo dei populisti
BERLINO - I risultati di ieri nei tre Laender tedeschi si traducono come un sonoro schiaffo alla politica sui migranti della cancelliera Angela Merkel.

Il dato incontrovertibile è l'ascesa folgorante dell'Afd, Alternative fuer Deutschland, il partito della destra populista, l'unico dichiaratamente contrario alla politica di accoglienza di Berlino: Afd ha raccolto da un minimo del 12,6% nella Renania Palatinato, passando per il 15,1% del Baden-Wuerttemberg, per finire con il clamoroso 24,2% nella Sassonia-Palatinato, dove il partito esordiente di Frauke Petry ha addirittura scavalcato la Linke.Il partito di Angela Merkel, la Cdu, ha perso ovunque consensi: nel Baden Wuerttemberg, i cristianodemocratici scendono di 12 punti percentuali e si fanno scavalcare dai Verdi, come annunciavano i sondaggi, che ora sono il primo partito con il 30,3% dei voti. La Cdu perde oltre 3 punti anche nella Renania, dove resta il secondo partito dietro all'Spd. Resta il primo partito ma perde molti voti, quasi 3 putni percentuali, nella Sassonia-Anhalt, dove scende al 29,4%, tallonato dall'Afd. In questo Land ex dell'Est sono la Linke e la Spd a crollare, rispettivamente di 7 e 11 punti percentuali. Lanciata da Merkel lo scorso anno, la generosa politica di accoglienza nei confronti dei richiedenti asilo (ne sono arrivati in Germania 1,1 milioni nel solo 2015) è stata al centro del dibattito elettorale e il risultato straordinariamente alto ottenuto dall'AfD in queste tre regioni dimostra che molta parte della popolazione tedesca non l'approva.Ma i due partiti di governo, Cdu e Spd, che ne hanno pagato le spese, non sembrano voler cambiare rotta. ""Abbiamo una linea chiara sulla politica concernente i rifugiati e la manterremo"", ha detto Sigmar Gabriel, vicecancelliere e leader dei socialdemocratici. Il segretario generale della Cdu, Peter Tauber, ha riconosciuto ""tempi difficili"" ma ha detto di ""non aspettarsi"" cambiamenti nella linea della cancelliera. Per la Csu, invece, alleato bavarese della Cdu, critica della politica di Merkel, questi risultati dimostrano che è necessaria una svolta.Il tabloid Bild commenta che i due partiti che dominano la vita politica tedesca dal 45 ""si leccano le ferite"" dopo questo importante test elettorale ""sulla politica in materia di rifugiati"". Ciò che è peggio per Merkel, oltre alle conseguenze interne di questo voto, sono le ripercussioni a livello europeo, poiché questo schiaffo non fa che indebolire la cancelliera nel tentativo di convincere l'Ue a seguirla sulla strada dell'accoglienza e verso un accordo con la Turchia, in occasione del vertice del 17-18 marzo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna