Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Mercoledì, 09 Luglio 2014 03:19

Iraq, i terroristi di Daesh fanno a pezzi la Storia

BAGHDAD-Dopo le bombe, le marce, i sermoni, arrivano le ruspe. Fra le priorità del gruppo terroristico l’Isil, noto in arabo come Daesh, c'è infatti la fretta di abbattere le vestigia e i monumenti considerati infedeli. Così sui canali della propaganda dei terroristi le immagini di minareti, tombe e templi sciiti e cristiani abbattuti o fatti saltare per aria.

 

Ora la minaccia è arrivata anche alle testimonianze più antiche, ai capolavori di due millenni e mezzo fa, quando l'Iraq si chiamava Mesopotamia ed era il cuore della nascente civiltà mediterranea. Concentrati nei dintorni della roccaforte di quello che già definiscono il cosidetto nuovo Califfato, Mosul, si trovano infatti 1.791 aree archeologiche, oltre a quattro capitali dell'impero considerato nell'Antico Testamento l'esempio stesso del potere spregiudicato e blasfemo: le città monumentali degli Assiri, con le loro sculture ciclopiche e i meravigliosi bassorilievi in pietra da poco studiati. Tutto ora è nelle mani dei ribelli.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna