Notizie
Tuttavia – per onestà intellettuale – è bene ammettere che un’uscita della Grecia dall’Euro non è affatto semplice,...
Sabato, 04 Luglio 2015 07:24

Incontro Rohani-Putin al vertice Ufa

MOSCA- Il presidente iraniano Hassan Rohani, sarà presente al vertice della Shanghai Cooperation Organization che si terrà a Ufa, in Russia. Il suo incontro con il presidente russo Vladimir Putin è in fase di preparazione, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. "Stiamo certamente preparando tale incontro", ha detto Peskov.
ROMA - L'Iran e il cosiddetto gruppo dei 5+1 (Usa, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cina e Germania) sono consapevoli di essere di fronte ad una occasione storica, un'occasione che se verrà persa, susciterà un profondo rammarico in entrambe le parti, poichè non si è detto che si ripeterà in futuro". A affermarlo l'ambasciatore dell'Iran a Roma, Jahanbakhsh Mozaffari.
di Giuseppe PALMA Da quando Alexis Tsipras ha annunciato il referendum popolare sull’ultimatum lacrime e sangue imposto alla Grecia dalle Istituzioni creditrici (UE, BCE e FMI), i giornaloni e i media di regime (sia italiani che di tutti gli altri Paesi dell’UE) hanno messo in campo una vile difesa acritica in favore del SI, facendo emergere la loro totale adesione all’austerità imposta dall’apparato eurocratico!
VIENNA-"I partner negoziali dell'Iran devono fare una scelta tra un accordo con la Repubblica islamica o l'uso della coercizione e la pressione contro di essa.", ad avvisarlo il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif citato dalla PressTV.
BERNA-Vi è una mancanza di trasparenza nella scelta e nella nomina del segretario generale delle Nazioni unite, non vi è neppure una vera e propria procedura, ritiene Paul Seger, ambasciatore svizzero presso la sede dell’ONU di New York, che lascia il suo incarico alla fine di luglio. “La scelta del segretario generale è meno trasparente di quella del papa”, ha dichiarato Seger la settimana scorsa.
"Il Consiglio per i diritti umani dell’Onu “non è interessato alla verità dei fatti, né ai veri diritti umani". Questa la replica del premer del regime sionista Benyamin Netanyahu alla decisione dell'organismo di dire si' al rapporto della Commissione.
SANA'A-Stamattina Sana'a la capitale dello Yemen è stata colpita dai bombardamenti della coalizione araba guidata dal regime saudita.
PECHINO-Dopo la Russia, anche la Cina ha risposto al documento sulla nuova strategia militare Usa, reso pubblico mercoledi' dal Pentagono e in cui si adombra un crescente rischio di conflitto con le due potenze rivali. Il ministero degli Esteri di Pechino ha denunciato quella che ha bollato come una "mentalita' da Guerra Fredda".
ROMA-Si è conclusa ieri mattina l'esercitazione "Italian Blade 2015", la più grande esercitazione militare con elicotteri in Europa, coordinata dal comando aviazione Esercito di Viterbo.
PECHINO-Cina e Italia aumentano la cooperazione nel settore militare. Durante una visita a Pechino, il segretario generale del Ministero della Difesa italiano, Enzo Stefanini, ha incontrato il vice presidente della Commissione Militare Centrale , vertice decisionale delle Forze Armate cinesi, Xu Qiliang il quale ha sottolineato il forte legame tra Italia e Cina nel settore della Difesa, e l'importanza che rivestono i legami militari tra i due Paesi.
Al-Quds-Secondo il rapporto di un’organizzazione umanitaria che monitora le violazioni sioniste nei Territori Occupati, 22 palestinesi sono stati uccisi e altri...
Al-Quds-Il Consiglio per i diritti umani dell'Onu ha votato l’adozione di un rapporto di quest'organizzazione sulla guerra dell’estate scorsa nella Striscia di Gaza che ritiene il regime sionista responsabile di crimini di guerra.
ATENE-"Domenica non decidiamo semplicemente di stare in Europa, decidiamo di stare in Europa con dignità". Lo ha detto ieri il premier greco Alexis Tsipras a piazza Syntagma, ad Atene, durante la manifestazione a favore del "no" al referendum sul piano dei creditori.
ROMA-L' ’agenzia di rating Standard & Poor's stima che un'uscita della Grecia dall'Eurozona potrebbe costare all'Italia 11 mld di maggiori oneri sul debito pubblico. L'Italia fronteggerebbe l'aumento "più grande in assoluto" della zona euro: l'addio di Atene potrebbe costare 30 mld nel 2015-16.
Pagina 1 di 3895