Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
CATANIA- Sei voli civili sono stati dirottati oggi dallo scalo catanese di Fontanarossa a quello palermitano di Punta Raisi, a causa di esercitazioni militari americane nella base di Sigonella.
Pubblicato in Politica
 TERNI- Nella giornata di ieri, Sabato 14 Giugno 2014, nella città di Terni, il movimento politico “Stato e Potenza” e l’associazione “Primidellastrada” hanno organizzato un corteo che, partendo dalla sede locale dell’associazione, ha percorso le vie della città fino al monumento eretto in ricordo delle vittime dei bombardamenti anglo-americani sulla città, ben 108 tra il 1943 ed il 1945.
Pubblicato in Articoli
Lunedì, 16 Giugno 2014 12:33

Grandi manovre a Sigonella

Aerei civili dirottati a Palermo
Pubblicato in Notizie
Lunedì, 16 Giugno 2014 12:24

Dopo blitz antinterrorismo in Libia

spostati 200 marines a Sigonella
Pubblicato in Articoli
 In Italia ci sono 90 bombe nucleari americane.
Pubblicato in Articoli
Domenica, 15 Giugno 2014 13:32

Armi nucleari in Italia: dove, come, perché

Il Pentagono sta per investire 11 miliardi di dollari per ammodernare  gli ordigni nucleari presenti in Europa e in Italia
Pubblicato in Articoli
 Il 25 aprile si celebra la Liberazione dell’Italia da un’occupazione.
Pubblicato in Articoli
 Già si sapeva – da un rapporto dell’associazione ambientalista americana Natural Resources Defense Council (v. il manifesto, 10 febbraio 2005) – che gli Stati uniti mantengono in Italia 90 bombe nucleari:
Pubblicato in Articoli
Mentre nella «spending review» il governo promette una riduzione di 300-500 milioni nel bilancio della difesa, l’Italia sta assumendo nella Nato crescenti impegni che portano a un inevitabile aumento della spesa militare, diretta e indiretta.
Pubblicato in Articoli
Domenica, 11 Maggio 2014 08:20

L’F-35 made in Italy, L'arte de la guerra

Due posizioni si confrontano nel Pd sulla questione degli F-35. Quella di Roberta Pinotti, ministro della difesa, che dice ai vertici dell’aeronautica di «stare sereni» perché, come ha assicurato il premier Renzi al presidente Obama, l’Italia «non può fare nessun passo indietro» nell’acquisto dei caccia.
Pubblicato in Articoli