Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Lunedì, 21 Dicembre 2015 07:00

Islam, la mia scelta(106): Honey bridget Ayesha

Islam, la mia scelta(106): Honey bridget Ayesha
Se vediamo la situazione delle religioni nel mondo, troviamo che l’Islam è l’unica religione che viene contrastata. Perchè mai e da chi?

 

L’Islam è odiato e contrastato dai miscredenti perchè è la religione del monoteismo. Allah l'Eccelso dice nel sacro (Corano 2: 25)):Allah! Non c’è altro dio che Lui, il Vivente, l’Assoluto.

Lo contrastano i malvagi e gli iniqui perchè è la religione della pura e cristallina natura.Allah dice infatti:

(30:30): “Rivolgi il tuo volto alla religione come puro monoteista, natura originaria che Allah ha connaturato agli uomini ; non c’è cambiamento nella creazione di Allah. Ecco la vera religione, ma la maggior parte degli uomini non sa.”

Lo contrastano gli ingiusti ed i tiranni perchè è la religione della giustizia e dell’equità.Allah Altissimo dice infatti:

(16:90) “In verità Allah ha ordinato la giustizia e la benevolenza e la generosità nei confronti dei parenti. Ha proibito la dissolutezza, ciò che è riprovevole e la ribellione. Egli vi ammonisce affinché ve ne ricordiate.”

Gli sono nemici gli aggressori ed i violenti perchè è la religione della pace.Allah dice infatti:

(2:190) “Combattete per la causa di Allah contro coloro che vi combattono, ma senza eccessi, ché Allah non ama gli iniqui aggressori.

Gli sono nemici gli estremisti ed i fondamentalisti perchè l’Islam è la religione della via di mezzo. Allah l'Eccelso dice:

(2:143) “E così facemmo di voi una comunità equilibrata, affinché siate testimoni di fronte ai popoli e il Messaggero sia testimone di fronte a voi”.

Lo contrastano tutti coloro che hanno in odio l’umanità e che si considerano migliori degli altri, perchè l’Islam è la religione dell’uguaglianza e della lotta contro la segregazione razziale ed etnica sotto tutte le sue forme.Allah l'Altissimo dice:

(49:13) “O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato.”

Amici in questa puntata vogliamo presentarvi Honey bridget Ayesha , la neo-musulmana britannica, che ha trovato la verità di una vita eterna e felice nell’Islam. Seguiteci anche oggi!

***

Honey bridget Ayesha è nata in una famiglia cristiana in Gran Bretagna. Lei avendo una forte passione per la filosofia, studiò diverse dottrine filosofiche e religiose come quella del buddismo e dell'induismo però nessuna di esse la convinsero. Lei parlando al riguardo ci spiega:” mi chiedevo sempre qual fosse lo scopo della vita, se tutto l’universo fosse creato da un semplice incidente. Non sapevo in che cosa avrei dovuto credere. Questi pensieri mi turbavano molto cosicchè non riuscivo ad addormentarmi di notte. Quando entrai però all’università ebbi l’occasione di conoscere i musulmani. Fino a quel momento non sapevo molto dell’Islam. Anzi, come tutti gli altri occidentali, avevo dei pregiudizi negativi su questa religione. Però all’università, i miei amici musulmani rispondendo con pazienza alle mie numerose domande mi spiegavano la verità degli insegnamenti islamici. Loro mi regalarono anche alcuni libri sull’Islam. All'inizio li leggevo solo in modo superficiale e per divertimento però man mano, studiandoli di più mi interessai della fede islamica”.

***

“ In quei testi si parlava della creazione dell’universo e dell’uomo. Le definizioni e le argomentazioni presentate dall’autore erano logiche e nuove. I miei amici musulmani mi diedero poi una copia del Corano in inglese. Il linguaggio sciolto e bello ed i contenuti molto profondi di questo libro mi colpirono molto e fu così che decisi di diventare musulmana.

Mi chiedono sempre perchè abbia scelto l’Islam. Io rispondo riferendomi alla risposta di un musulmano che ha definito la religione islamica come un oggetto geometrico ben proporzionato ed armonico.  L’Islam ha uno sguardo realistico sull’uomo ed oltre alla vita spirituale da’ molta importanza alle esigenze mondane dell’essere umano.

Ogni musulmano prima di fare qualsiasi cosa ricorda il nome del Signore ed a mio parere facendo sì, l’uomo si ritiene responsabile di fronte al suo Creatore e crea un ponte di collegamento tra la vita quotidiana e quella spirituale. Purtroppo oggi nell’Occidente siamo testimoni del crollo dei valori etici e morali e la gente sta per annegare nell’ignoranza però ci sono ancora delle persone che cercano di salvarsi. Per me, la bella armonia che la religione islamica crea tra la vita interiore e quella esteriore è così meravigliosa ed unica che riuscirà ad attirare subito l’attenzione dell’ anima assettata degli occidentali verso questa religione.” Conclude la neo-musulmana britannica Honey bridget Ayesha

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna