Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Lunedì, 02 Novembre 2015 07:16

Islam, la mia scelta(104):Hatsoko Huxino

Islam, la mia scelta(104):Hatsoko Huxino
Negli ultimi anni ed in particolare dopo gli attentati dell’11 settembre avvenuti a New York, i media che sono al servizio delle potenze egemoniche ed imperialistiche del mondo lanciando una dura campagna propagandistica anti-islamica cercano di fare credere all’opinione pubblica che l’Islam sia una religione violenta, irrazionale ed aggressiva che rappresenta il ‘male’ solo per poter ottenere più facilmente i loro obiettivi colonialistici nei diversi paesi del mondo senza affrontare alcuna resistenza ed opposizione  .

Quindi certi paesi del mondo, avendo paura della rapida diffusione dell’Islam e della cultura islamica tra i propri cittadini hanno creato il termine razziale “islamofobia”.

L’islamofobia infatti è un fenomeno di oggi, è un termine che verrà utilizzato ogni giorno di più, fino ad occupare il primo posto nelle preoccupazioni occidentali, a meno che non vengano presi provvedimenti di sensibilizzazione culturale e non venga propagandata l’idea della convivenza fra le religioni.

 

Ma malgrado tutti gli sforzi ostili dei media e di certi governi contro la fede islamica è proprio la centralità dell'Islam nel dibattito pubblico degli ultimi anni che ha risvegliato grande curiosità e interesse del popolo verso una religione che continua ad attrarre fedeli in tutto il mondo. Infatti la fede islamica con la sua semplicità e profondità dei suoi insegnamenti conquista facilmente i cuori delle persone libere.

Infatti è lo stesso Signore che ha voluto le religioni divine ed ha promesso di proteggerle sempre contro i suoi nemici. Amici nell’ultima puntata della rubrica settimanale “Islam, la mia scelta” vogliamo presentarvi Hatsoko Huxino, la neo-musulmana giapponese. Seguiteci anche oggi!

***

Hatsoko è nata in Giappone. Lei prima degli attentati dell'11 settembre 2001 conosceva poco l’Islam. Però dopo questo periodo nei media del loro Paese venne lanciata una propaganda ostile ed anti-islamica con la quale si cercava di presentare l’Islam come una religione violenta che sosterrebbe il terrorismo. Hatsoko vedendo parlar così tanto dell’Islam e presa da una forte curiosità decise di conoscere di più questa nuova religione quindi cominciò a condurre delle ricerche su questa fede. Lei parlando al riguardo ci racconta: ”Nelle prime ore dopo gli attentati alle torri gemelle, seguivo, a dire il vero molto scioccata, gli eventi alla TV minuto dopo minuto. Però la scena dello schianto degli aerei contro le torri di New York mi sembrava più come un film hollywoodiano ben pensato e diretto da un regista professionista. Non potevo credere che si trattasse di un semplice incidente. Pensavo che in tutta questa storia tragica ci fosse qualcosa che non andava. Fino a quel tempo non sapevo molto dell’Islam. Nelle notizie sentivo parlare di questa fede e dei musulmani. Mi chiedevo che cosa fosse l’Islam. Una domanda la cui risposta cambiò radicalmente la mia vita. Subito scoprii che la fede islamica era la più perfetta religione del mondo”.

musica

“Io ero nata in una famiglia buddista molto fanatica. Uno dei miei zii era perfino il rappresentante della comunità buddista al parlamento giapponese. Quindi conoscevo bene il buddismo. Un altro zio era un parroco e mi aveva già dato una copia della Bibbia che avevo letto. Pur conoscendo bene queste due religioni, non le trovavo abbastanza convincenti e nella mia mente c’erano tanti dubbi e domande alle quali queste due fedi non potevano rispondere. Dopo gli eventi dell’11 settembre iniziai a condurre delle ricerche sull’Islam. Su internet trovai la traduzione giapponese del Corano, il sacro libro dei musulmani, e cominciai a leggerlo. Il linguaggio sciolto, bello e profondo di questo libro celeste mi colpì molto. Si poteva capire subito che queste parole erano state rivelate da una fonte divina e sovrannaturale e che non erano opera umana. Infatti studiando questo libro divino trovai la risposta delle mie domande. La mia vita era cambiata radicalmente. Leggendolo mi sentivo molto tranquilla. Le sue parole mi davano una pazienza e una forza d’animo straordinaria per affrontare le difficoltà della vita. Infatti per me il Corano era quella luce che mi guidò verso la salvezza. E fu così che decisi di abbracciare l’Islam. Oltre alla lettura del sublime Corano, la recitazione delle preghiere attribuite all’ Ahl al-Bayt, i discendenti del Profeta Muhammad(as) mi rasserenavano il cuore nei momenti difficili; infatti le loro preghiere per me erano come una lezione privata che queste grandi figure spirituali mi davano sulla vita. E così ogni giorno mi innamoravo di più di loro e del Signore. Quando la mia famiglia si rese conto di questa mia scelta si oppose duramente. Loro esercitavano forti pressioni su di me per farmi sconfessare la mia fede nell'Islam. Tutti i miei amici mi abbandonarono. Però io affidandomi al Signore e con l’aiuto del sublime Corano riuscii a superare quei difficili momenti senza arrendermi al loro volere”, conclude Hatsoko Hushino, la neo-musulmana giapponese che dopo la conversione all’Islam ha scelto il nome di Fatima. Lei però ora si è trasferita in Iran per approfondire la sua conoscenza sull’Islam e per poter praticare liberamente gli insegnamenti islamici.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna