Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Sabato, 08 Novembre 2014 08:47

Islam, la mia scelta(78), Ingo Jansen

  Oggi l’uomo moderno cerca uno stile di vita che lo guida verso la serenità e la pace interiore. La serenità è a sua volta in strettissima dipendenza con la capacità di confrontarsi con il nostro spirito.
La religione è semplicemente un mezzo che aiuta l’uomo a raggiungere questa eterna tranquillità interiore.
Infatti la religione ci impone una coerenza intrinseca, una filosofia di vita che permette di comprendere che abbiamo in mano la responsabilità della scelta tra il bene e il male.
L'Islam non è una religione nuova, bensì è la stessa verità rivelata da Dio a tutti i suoi profeti dalla creazione del mondo. Per un quinto della popolazione mondiale, l'Islam è sia religione, sia stile di vita. I Musulmani professano una religione di pace, misericordia e perdono che nulla ha a che vedere con le gravi vicende erroneamente associate all'Islam.
E' l'ultima grande religione monoteistica, dopo l'ebraismo ed il cristianesimo, ma è la seconda religione mondiale come numero di fedeli.
L'Islam è una religione relativamente semplice ed allo stesso tempo profonda, che non fa distinzione tra culto e vita civile: la politica non è separata dalla religione, né la moschea dalla piazza del mercato. Islam significa "sottomesso a Dio" e musulmano (da "muslim", credente) significa "colui che compie la volontà di Dio".
Amici in questa puntata vogliamo presentarvi Ingo Jansen, il neo-musulmano tedesco che ha trovato la tranquillità interiore ed immensa nella fede islamica. Restate con noi!
***
Ingo Jansen è nato nel nord della Germania; lui da ragazzino cercava la verità della vita quella che mancava molto nella società dove lui viveva: ”Io soffrivo molto della mancanza dell’affetto e del rispetto dei valori umani nella mia società. In quel periodo ero in una crisi spirituale molto terribile. Mi sentivo infatti perso in un mondo senza anima e crudele. Finchè un giorno mentre mi sintonizzavo suun canale radiofonico, sentii la voce di un uomo che parlava dell’Islam in tedesco. Era la prima volta che sentivo il nome di questa religione. Quindi solo per curiosità continuai ad ascoltare quel programma fino alla fine. Quando finì la trasmissione capii che si trattava dell’emittente dell'IRIB, Islamic Republic of Iran Broadcasting in tedesco. Dopo quel giorno divenni uno dei fedeli radioascoltatori dell’IRIB e seguivo ogni giorno i suoi programmi. Così pian piano approfondii la mia conoscenza sull’Islam.
Per me però l’IRIB, fu solo un punto di partenza per conoscere la fede islamica.  Cominciai aleggere il sublime Corano, sacro libro dei musulmani. La bellezza e le meraviglie di questo sacro libro mi colpirono a tal punto che non riuscii a lasciarlo a metà e lo lessi fino alla fine. Iniziai anche una corrispondenza con l’emittente iraniana e gli chiesi di inviarmi dei libri e testi sull’Islam. Alla fine dopo un lungo periodo di ricerca mi convinsi che l’Islam era la più completa e perfetta religione del mondo e decisi di abbracciare l’Islam. Dopo la mia conversione scelsi anche il nome di Hussain”.
***
“Oggi l’Islam è l’unica religione divina che si espande continuamente al di fuori dei confini delle sue origini. Secondo me l’Islam è l’unica fede che oggi ci guida verso la felicità e la perfezione. E tutti gli insegnamenti e le pratiche islamici sono basati del tutto su motivi ragionevoli. La salat(preghiera obbligatoria islamica), per esempio, è un atto devozionale che mira a purificare l’anima e contribuisce ad evitare il peccato.
Nell’Islam il concetto di libertà ha una interpretazione del tutto diversa da quella in Occidente. I  musulmani nell’Islam sono liberi di agire e di scegliere nell’ambito delle norme rivelate dal Creatore dell’Universo. In Occidente invece non c’è una definizione precisa e concisa di questo concetto ed ognuno definisce la libertà come vuole. Ed infatti nel liberalismo occidentale la libertà dell'individuo assume il ruolo più importante e la meta finale di ogni individuo. Come sanno tutti all’inizio del Rinascimento, qui in Occidente, l'uomo venne posto al centro dell'Universo e invece Dio, Creatore, Maestro del cosmo venne tenuto ai margini o addirittura abolito. Ed oggi sono costretti ad affrontare le devastanti conseguenze di quella scelta sbagliata. Nei paesi occidentali ormai difficilmente i membri di una famiglia possono trovare la sicurezza e la fedeltà in famiglia. L’omicidio e la corruzione sono diventati ormai molto diffusi.  Devo dire quelli che pensano che l’Occidente sia un paradiso, commettono un grosso errore”, conclude Hussain, il neo-musulmano tedesco.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna