Questo sito e’ chiuso. Ci siamo trasferiti su: Parstoday Italian
Venerdì, 08 Gennaio 2016 20:40

Una lettera per tutti i giovani in Occidente (4)

Una lettera per tutti i giovani in Occidente (4)
Amici, nel corso di questa puntata esamineremo altri punti importanti della lettera della guida suprema, ayatollah seyyed Ali Khameni ai giovani occidentali.

 

Nel mondo odiero, il terrorismo di stato, ha acceso le fiamme di diverse guerre e vari conflitti nel mondo e in particolare tra i Paesi islamici, dove le popolazioni sono costrette a viever sotto la minaccia costante del terrorismo piu’ spietato e cieco mai esistito, esperimentando quotidanamente ogni forma di insicurezza e terrore.

Una forma subdola e contaggiosa del terrorismo che non ha risparmiato nemmeno i paesi occidentali diffondendo tra la gente, la paura di attentati ciechi dei terroristi che potrebbe uscire dalle loro tane per colpire in piazza o nei locali pubblici i civili inermi.

Ma nonostante l’arrivo dei terroristi Isis nell’Occidente, vediamo che i governi europei che si presentano come i difensori del dei diritti umani e della pace, non fanno nulla di concreto per combattre seriamente e effettivamente i terroristi.

E’ dunque piu’ che leggittimo chiedersi perche’ le operazioni militari della cosiddetta coalizione antiterrorista a guida Usa, la quale si avvale della partecipazione delle piu’ grandi potenze militari e economiche europee, non hanno effettuato mai una operazione militare efficace edegna di essere definita tele, contro i terroristi takfiri?

Musica

Molti analisti e studiosi delle questioni politiche internazionali sono del parere che la creazione e il rafforzamento delle cellule terroristiche e’ stato effettuato per mano dei paesi occidentali, considerando la realta’ innegabile che essi hanno beneficiato notevolmente dalla cosiddetta lotta al terrore per accorciare la lunga strada che portava alla realizzazione dei loro obiettivi politici, economici e militari.

A questo proposito imam Khamenei nella sua seconda lettera ai giovani dell’America Nord e dell’Europa scrive:

“Oggi sono ben pochi coloro che non sono al corrente del ruolo che gli Stati Uniti hanno avuto nella creazione, il rafforzamento e l'armamento di Al Qaeda, dei Talebani e dei nefasti gruppi a loro collegati”.

Come abbiamo gia’ accennato, una delle ragioni piu’ importanti della mancanza di un impegno serio dalla parte dei governi occidentali nella reale lotta al terrorismo, sono gli innumerevoli interessi economici e geopolitici del governo americano e dei suoi alleati occidentali nel tenere instabile e sotto ricatto i paesi islamici ed intera area mediorientale, come afferma anche la gioda suprema:

“Accanto a questo sostegno diretto, i chiari e ben conosciuti sostenitori del terrorismo takfirita, pur avendo i regimi di governo più retrogradi del mondo, sono sempre figurati tra gli alleati dell'Occidente e ciò mentre i pensieri più illuminati e più democratici nella nostra regione sono sempre stati soppressi senza scrupolo. L'approccio ambiguo dell'Occidente con il fenomeno del risveglio islamico e' l'esempio esplicito delle politiche paradossali dell'Occidente.”

Musica

L’esempio piu’ eclatante e evidente del terrorsmo di stato nel Medio Oriente, e’ il regime d’occupazione israeliana che nel corso dei lunghi anni della sua sanguinosa presenza nei territori occupti palestinesi, ha violato ogni forma piu’ basilare e primaria del diritto dell’uomo senza essere ostacolato o fermato dai cosiddetti paesi paladini della democrazia e dei diritti umani.

La Guida Suprema l'ayatollah seyyed Ali Khamenei, nella sua recente lettera ancora una volta e nella maniera molto diretta denuncia la "doppiezza" delle grandi potenze occidentali:

"Il cieco terrorismo che ha colpito la Francia mi spinge a parlare ai giovani", ha scritto l'ayatollah, "certo che solo voi giovani saprete trarre la lezione e scoprire nuovi mezzi per costruire il futuro".

"E' vero che oggi il terrorismo è una nostra preoccupazione comune - ha scritto - tuttavia è necessario che sappiate che l'insicurezza che state vivendo ora è diversa da quella che le popolazioni di Iraq, Yemen, Siria e Afghanistan stanno vivendo da anni, e per due motivi. Il primo è che il mondo islamico è stato vittima del terrorismo e della brutalità su più vasta scala a livello territoriale e per un periodo di tempo più lungo. Il secondo è che sfortunatemante questa violenza è stata sostenuta da certe grandi potenze attraverso metodi e mezzi diversi".

Il Leader della Rivoluzione islamica ha quindi affermato che sono stati gli Stati Uniti a "creare, nutrire e armare al Qaida, i talebani e i loro nefasti successori", e "le invasioni militari nel mondo musulmano di questi ultimi anni, con le loro innumerevoli vittime, sono un altro esempio della logica contraddittoria dell'Occidente".

"Credo che imporre la cultura occidentale ad altri popoli e banalizzare le culture indipendenti sia una forma di violenza silenziosa, estremamente dannosa", ha proseguito. A giudizio di Khamenei, "fino a quando la logica dei due pesi e delle due misure dominerà le politiche occidentali, fino a quando il terrorismo sarà diviso tra 'buono' e 'cattivo' e fino a quando gli interessi governativi avranno la precedenza sui valori umani ed etici, le radici della violenza non dovrebbero essere cercate altrove".

Musica

Amici, il tempo a nostra disposizione termina qui. Ma torneremo ancora per parlare di altri aspetti e argomenti trattati nella storica lettera della Guida Suprema Ayatolla Khamenei ai giovani occidentali . non mancate!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna